RIVS

RIVS, COME CREARE UN CLUB

Continua la collaborazione mensile con il Registro Italiano Veicoli Storici. Dopo il primo articolo pubblicato a gennaio vi spieghiamo come si crea un club.

 

Logo rivs padova Rivs padova

Il Registro Italiano Veicoli Storici (RIVS) ha tra i propri scopi fondanti la diffusione della cultura del motorismo e della conoscenza della storia e della tecnica automobilistica, per questo motivo una delle attività del Registro è il coinvolgimento di nuovi iscritti e club affiliati. In questo articolo ci concentriamo proprio sulla creazione di un club motoristico

Le procedure per costituire un club sono semplici e non differiscono molto dal normale iter per la creazione di un’associazione sportiva o culturale.

Innanzitutto non servono tantissime persone: per creare un club ne bastano almeno 3 che possiedono accomunate dalla stessa passione, oltre a questo è necessario indicare una sede sociale – che non deve coincidere per forza con la sede dell’attività – e il nome del club. Dopodiché, con questi dati si procede nella compilazione dell’Atto Costitutivo e dello Statuto – RIVS fornisce anche consulenza a riguardo della formulazione di questi documenti – che rispettino i criteri di democrazia interna e di assenza di scopi di lucro, oltre alle altre normative vigenti.

Una volta che l’Atto Costitutivo e lo Statuto sono pronti si procede all’attribuzione del codice fiscale – o della partita IVA – del Club e alla registrazione dell’Atto costitutivo e dello Statuto. Entrambe le operazioni si effettuano presso l’Agenzia delle Entrate.

La scelta tra Codice Fiscale e la Partita IVA dipende dalla possibilità per il club di svolgere solo attività associativa oppure altre attività di natura commerciale.

  • Se il club si occupa solo di iscrizioni e raduni, o gestisce corsi e attività motoristica; o ancora ha in gestione un bar (tavola fredda) allora dovrà dotarsi del solo codice fiscale;
  • se il club, oltre alle attività sopra citate, gestisce anche un ristorante (tavola calda), effettua sponsorizzazioni o vende prodotti sarà necessaria la partita IVA.

Per ottenere il codice fiscale/partita IVA e la registrazione dell’Atto Costitutivo e dello Statuto serviranno:

  •  i documenti del presidente del club e di chi presenta la documentazione;
  •  l’Atto Costitutivo e lo Statuto in triplice copia con firme originali;
  •  Modello AA5 modello 69 compilati e firmati;
  •  Marche da bollo da 14.62 euro (1 ogni 100 righe)
  •  Copia del versamento del tributo di 168,00 da versare attraverso il modello F23 da presentare in posta o banca

Esaurite queste pratiche il nostro club è a tutti gli effetti esistente e può cominciare ad operare. Successivamente, potremo poi procedere all’affiliazione al Registro per garantire ai nostri soci assistenza, vantaggi e sconti per i loro veicoli storici

Per chi volesse maggiori informazioni e un approccio semplice e divertente sull’argomento consigliamo infine il sito www.associare.it

Lascia un commento!

0