Auto

Novità su revisione auto 2015

revisione-autoLe novità su “Revisione auto 2015” sono entrate in vigore il 1 gennaio, portando con sé obblighi più rigidi, soprattutto per centri autorizzati e officine specializzate nell’istallazione dei tachigrafi sui veicoli, che dovranno sottoporsi, almeno ogni due anni, ad una verifica delle procedure effettuate durante la manipolazione dei dispositivi.

NOVITÀ PER I CENTRI AUTORIZZATI

I cambiamenti più significativi riguardano i centri autorizzati, che, al fine di monitorare tutte le attività svolte sulle vetture revisionate, saranno obbligati a dotarsi di un sistema di videosorveglianza.
Collegato alla motorizzazione, il sistema attesterà che i clienti non subiscano frodi e che non vengano immesse su strada, a seguito di una revisione sommaria, vetture potenzialmente pericolose per la sicurezza generale.
I centri autorizzati avranno tempo fino al 31 ottobre per mettersi in regola e adottare, a proprie spese, il nuovo sistema MCTC NET2, che permetterà di verificare che le attività dichiarate vengano svolte in modo professionale.
I controlli saranno effettuati sulla base di segnalazioni o a campione.

SCADENZE PER GLI AUTOMOBILISTI

La revisione auto continua ad essere obbligatoria la prima volta entro quattro anni dall’immatricolazione della vettura, e ogni due anni le volte seguenti. La norma riguarda auto, ciclomotori, motocicli, camper, furgoni, camion e rimorchi entro 3,5 t.
É invece obbligatoria una revisione annuale per autocarri, ambulanze, veicoli con più di 9 passeggeri, rimorchi con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e vetture in servizio pubblico di piazza.

QUANTO COSTA

Per la revisione auto 2015 la tariffa è fissa ed ammonta a 65,68 euro, Iva inclusa.

DOVE ANDARE

La revisione auto può essere effettuata in un centro autorizzato o presso la Motorizzazione Civile, entro e non oltre il mese corrispondente all’immatricolazione in caso di prima revisione e all’ultima revisione per le successive.
Per prenotarla è sufficiente recarsi in un’agenzia di pratiche automobilistiche, muniti di libretto di circolazione.

CONTROLLI

Al fine di confermare l’omologazione della vettura, durante la revisione auto viene verificata la presenza ed il funzionamento delle seguenti componenti: luci, sistema frenante, avvisatori acustici, triangolo, ruota di scorta, ammaccature e corrosioni del veicolo, numero di telaio, eventuali perdite di olio o liquido di raffreddamento, omologazione della marmitta, vetri e specchietti, le condizioni delle sospensioni e degli pneumatici, conformità alla legge delle emissioni di CO2 e rumorosità.

ESITI

Al termine della revisione viene rilasciata, se l’esito è positivo, un’etichetta con la dicitura “Regolare”, da inserire sulla carta di circolazione.
In caso contrario l’etichetta rilasciata presenterà la dicitura “Ripetere”, che dà all’automobilista la possibilità di circolare per un mese entro il quale regolarizzare il veicolo prima di ripetere la revisione, o “Sospeso dalla circolazione”, che consente la circolazione soltanto fino all’officina più vicina.

SANZIONI

Per chi circola senza aver effettuato la revisione entro i termini previsti le multe vanno da 159 a 639 euro, a cui si aggiunge il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni e il ritiro del libretto di circolazione, fino al superamento della revisione.
In caso di recidiva le multe vanno invece da 398 a 1.596 euro, più la confisca amministrativa della vettura.
L’imminente introduzione del tagliando elettronico renderà inoltre più facile individuare i trasgressori.

(Letto 281 volte, 1 letto oggi)

Lascia un commento!

0